#61
AlterEgo Solution
Bonus imprese agricole, contributi per tutti: come richiederli
immagine incentivi Sicilia

Chi ha un’impresa agricola può avere contributi importanti per investimenti in innovazione e per la gestione di terreni e stalle. Ecco le principali misure che fanno parlare di contributi a pioggia.

Quali sono gli aiuti economici di cui possono avvalersi le imprese per incrementare il reddito e rendere la produzione agricola più efficiente?

Questo settore è oggetto di politiche specifiche a livello europeo, e non solo, al punto che si parla di contributi a pioggia riconosciuti anche per il semplice fatto che si conduce un’azienda agricola.

Le politiche agricole europee mirano a rendere i redditi derivanti dalla conduzione di aziende agricole allineati ai redditi delle altre attività imprenditoriali, proprio per questo sono previsti aiuti alle imprese agricole che rappresentano un vero e proprio sostegno al reddito.

Il filo conduttore dei nuovi aiuti alle imprese agricole è l’ecosostenibilità, infatti, si ottengono aiuti e contributi a pioggia prevalentemente per investimenti in grado di ridurre l’impatto ambientale dell’attività agricola, ad esempio interventi volti a ridurre l’uso di concimi inquinanti o volti a un risparmio di acqua ed energetico.

A questi si uniscono varie misure di aiuti alle imprese agricole previsti dalla normativa italiana, alcuni specifici per aziende agricole e altri comuni a diversi settori, come la Nuova Sabatini.
Fatta questa prima distinzione, vediamo quali sono i principali aiuti che possono ottenere le imprese agricole.

Uno dei primi aiuti disponibili è la Banca Nazionale delle Terre Agricole. Si tratta di un inventario dei terreni agricoli disponibili in quanto dismessi, oppure resi disponibili a seguito di prepensionamenti.
La Banca Nazionale delle Terre Agricole è gestita da ISMEA (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), consente di acquistare terreni a prezzi e condizioni agevolate.

Aiuti alle imprese agricole con Generazione Terra

ISMEA gestisce anche il bando Generazione Terra, che finanzia l’acquisto di terreni agricoli per consolidare un’attività imprenditoriale o avviarne una nuova. Prevede finanziamenti da 500.000 euro fino 1,5 milioni e, in alcuni casi, di premi per il primo insediamento dal valore di 70.000 euro in totale, che coprono le spese di avviamento al 100%.

Generazione Terra si rivolge a giovani imprenditori (età non superiore a 41 anni) che vogliono ampliare la loro attività o consolidarla. Inoltre, è rivolta a giovani startupper che intraprendono l’attività. In questo caso il requisito anagrafico incontra il limite dei 41 anni se trattasi di soggetti con esperienza e 35 anni se trattasi di soggetti con titoli, ad esempio laureati in scienze agrarie o simili.

Generazione Terra può coprire fino al 100% del prezzo di acquisto dei terreni con importi fino a:

  • 1.500.000 euro, in caso di giovani imprenditori agricoli e giovani startupper con esperienza;
  • 500.000 euro, in caso di giovani startupper con titolo, tramite un finanziamento fino a 30 anni di cui al massimo 2 di preammortamento. In questo caso copre anche il 50% delle spese notarili e 500 euro di spese di istruttoria.

Per il 2024 Generazione Terra non è ancora attiva come misura, ma ne parliamo perché numerose fonti indicano che dovrebbe essere disponibile, a breve, il nuovo bando.

Nuova PAC, contributi diretti per le imprese agricole

Nelle misure di sostegno all’agricoltura non possiamo dimenticare la Nuova PAC (Politica Agricola Comune) valida fino al 31 dicembre 2027. Obiettivo principale continua a essere il sostegno al reddito degli agricoltori e alla competitività del settore, con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale.

Il primo pilastro della PAC prevede lo stanziamento di fondi per pagamenti diretti.
I pagamenti diretti sono diversi, ma prevedono tutti il rispetto di determinate condizioni, ad esempio la variazione colturale di anno in anno, avere a rotazione il 4% del terreno disponibile a riposo in modo da aumentare la biodiversità.

Non è possibile in questa sede elencare tutte le misure previste dalla PAC, ma possiamo fare degli esempi per rendere l’idea del funzionamento. Ad esempio, per gli agricoltori che si occupano della salvaguardia degli ulivi che hanno valore paesaggistico è previsto un contributo di 220 euro per ettaro.

Per gli allevatori è previsto, invece, un contributo per la riduzione dell’uso di antibiotici nelle stalle, l’importo riconosciuto va dai 66 euro a capo per i bovini da latte fino ai 24 euro dei suini.

Per l’avvicendamento colturale è previsto il pagamento di 110 euro per ettaro, il coltivatore per accedere a questo aiuto deve rispettare i vincoli inerenti la restrizione dell’uso di agrofarmaci.

Per coloro che favoriscono l’insediamento di impollinatori (api) attraverso la coltivazione di specie arboree è previsto un contributo da 250 euro a 500 euro per ettaro, in questo caso è fatto divieto di uso di fitofarmaci.

È poi previsto il sostegno al reddito per i giovani agricoltori erogato sulla base degli ettari coltivati ogni anno, i contributi sono versati per un periodo massimo di 5 anni. Si tratta di un pagamento pari al 50% del valore medio dei Titoli per il pagamento di base, previsto a 83,50 euro/ettaro. Vi è però un limite massimo agevolabile di 90 ettari.


Titoli Pac sono dei diritti riconosciuti in base alla quantità di terreni lavorati, i contributi diretti sono pagati in base al numero di ettari che si intendono lavorare, ad esempio se un soggetto ha 20 ettari di terreni, ma ne lavora solo una parte, può avere i contributi diretti in relazione ai Titoli Pac che usa.

Contributi per Impresa giovanile agricola

La misura è rivolta a imprenditori agricoli di età compresa tra 18 anni e 41 anni, in forma singola o associata. Il fondo istituito, di 15 milioni di euro, è destinato ad aiutare giovani agricoltori nell’acquisto di terreni, acquisto di beni strumentali, di unità operative.
Si possono ottenere, inoltre, tariffe agevolate per spese notarili, contributi per la formazione e regimi fiscali agevolati.

Il premio concesso per l’insediamento viene così modulato:

  • 50.000 euro per insediamenti in zona ordinaria;
  • 70.000 euro per insediamenti in zona svantaggiata.

Il premio sarà corrisposto obbligatoriamente in due rate, di cui la prima rappresenta il 70% e la seconda il restante 30% dell’importo.

Bando ISI Inail, 130 mila euro per chi investe in sicurezza

Il settore dell’agricoltura ha accesso anche alle risorse del bando ISI INAIL 2024. In questo caso non si tratta di un aiuto specifico per le aziende agricole, ma un aiuto diretto a diversi settori.
Il bando ISI INAIL consente di avere fino a 130 mila euro a fondo perduto, il 65% di una spesa massima di 200 mila euro, per l’acquisto di nuove attrezzature in grado di migliorare la sicurezza sul lavoro.

Si tratta di somme accreditate direttamente in conto corrente, non devono essere restituite. Occorre però prestare attenzione, infatti, le domande sono analizzate e i contributi concessi a esaurimento fondo in base all’ordine cronologico di presentazione della domanda.

Bando imprese agricole, si possono ottenere fino a 56.000 euro

Specifico per il settore agricoltura è il bando imprese agricole, in questo caso le domande per accedere al fondo devono essere presentate entro il 31 maggio 2024. Si possono ottenere fino a 56.000 euro a fronte di un investimento in macchinari che consentono di migliorare le prestazioni dell’impresa, ad esempio consentono una riduzione del consumo di acqua o dell’uso di fitosanitari.

Non è previsto l’accesso al contributo per il leasing.

Il bando imprese agricole è compatibile con altri bandi, ad esempio con ISI INAIL, naturalmente gli acquisti devono essere diversi.

Nuova Sabatini per l’agricoltura

Le imprese agricole possono accedere anche ai contributi previsti dalla Nuova Sabatini 2024. Anche in questo caso si tratta di aiuti diretti a diverse tipologie di aziende, compreso il settore agricoltura.

Consente di ottenere finanziamenti agevolati per l’acquisto di beni strumentali. Le risorse sono messe a disposizione dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT prima MISE).

La domanda deve essere presentata telematicamente attraverso il sito Invitalia.
L’agevolazione di può ottenere sia per l’acquisto di beni strumentali nuovi, sia in caso di contratti di leasing.

Fondo Agricat per aiuti alle imprese agricole in caso di calamità

Concludiamo con il fondo Agricat, un fondo mutualistico a cui possono accedere tutte le aziende beneficiarie dei pagamenti diretti PAC e che hanno subito danno da eventi catastrofali, ad esempio grandine che distrugge il raccolto.

Il fondo è gestito da MASAF (Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste).

  • Tutti i Fondi e gli investimenti del PNRR Agricoltura
 

Tutte le Newsletter sul nostro sito www.alteregosolution.it

 

Ma attenzione! Questi sono solo alcuni dei bandi che sono attualmente disponibili o di prossima apertura. Continuate a seguirci su: www.alteregosolution.it

Collaboriamo con Voi imprenditori per far crescere le Vostre aziende e probabilmente è per questo che seguite le nostre Newsletter.  A Voi riserviamo un primo contatto gratuito per approfondire i temi di maggiore interesse sulle opportunità di finanziamento agevolato. Un nostro consulente è a Vostra disposizione, senza alcun impegno da parte Vostra.           

Potrete così ricevere, in modo personalizzato e dalla viva voce di un esperto, tutte le informazioni necessarie, semplicemente contattandoci >via mail< al nostro recapito: info@alteregosolution.it.

Il progetto #VALOREAGGIUNTO di AlterEgoSolution, agenzia di servizi e studio di consulenza di Roma, prevede il monitoraggio dei bandi utili al cliente, per 12 mesi pagato con una unica #accessfee.  La consulenza per l’ideazione, la realizzazione del progetto, del business-plan ed il tutoring, verranno retribuiti, con una #successfee, SOLO ad ottenimento del risultato.

Non ricevi la nostra Newsletter fra le mail? Controlla in SPAM!

Ti preghiamo di non rispondere a questa e-mail. Questa casella di posta non è monitorata e non riceveresti risposta. Per ricevere assistenza o qualsiasi altra informazione scrivi a: info@alteregosolution.it
Potrebbe interessarti anche
immagine gruppo Finservice

Una panoramica completa per le aziende che intendono investire nel digitale innovativo 5.0 con bandi locali e fondi PNRR. Dalle CCIAA Voucher digitali i4.0 2024. Contributo a fondo perduto al 70% fino a 13.500 euro per sostenere la digitalizzazione delle imprese. CCIAA Trento. Scade: 25/05/24, Spese finanziate: Beni e servizi strumentali digitali, Formazione e Consulenze;… Read More

I bandi nazionali dai Ministeri e dalle Agenzie governative con i finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto PNRR e FSE. Breaking News ! Contributo a fondo perduto a valere sulla quota pari a 20% e 80% delle risorse del Fondo Unico Nazionale per il Turismo per Regioni e Province autonome. Anno 2024. Ministero del… Read More

Giovani agricoltori – Contributo a fondo perduto fino a 70.000 per le nuove imprese agricole giovanili e femminili in tutta Italia. QUI’ trovi le scadenze della tua Regione. (Prossime aperture in tutte le Regioni italiane. Seguite le nostre Newsletter) Descrizione Il bando è finalizzato a favorire il ricambio generazionale nella gestione delle imprese agricole attraverso… Read More

inizio Torna all'inizio
Ti preghiamo di non rispondere a questa e-mail. Questa casella di posta non è monitorata e non riceveresti risposta. Per ricevere assistenza o qualsiasi altra informazione scrivi a: info@alteregosolution.it

AlterEgo Solution

AlterEgo Solution
Via Massaciuccoli, 77 - 00199 Roma
Tel. 06 94378489 - Fax. 06 94517376
segreteria@pec.alteregosolution.it

info@alteregosolution.it
alteregosolution.it

Se non si desidera ricevere ulteriori comunicazioni, fare CLICK QUI per cancellarsi definitivamente dalla nostra newsletter.